top of page

Il Blog di Lella Canepa

ACQUA di S.GIOVANNI


“ La guazza di San Giovanni guarisce tutti i malanni ”

Post nostalgico di tradizioni antiche, di cose viste fare, di gesti che piace ripetere.

A chi di solito mi chiede: - Ma non crederai mica a queste cose?- rispondo sempre che non è questione di credere o non credere, visto che quello in cui credo o meno è una questione personalissima, ma semplicemente di ritrovare dentro quei gesti le persone con le quali li ho condivisi.

Mi piacciono le tradizioni, le usanze, non solo le mie ma anche quelle di altri popoli e paesi e spesso ritrovo in posti sconosciuti quelle di casa mia.

Pensare che un gesto è fatto da anni e anni, che sempre, almeno nel mio caso, è fatto per portare bene, gioia, salute, me lo fa compiere senza poi domandarmi se ha funzionato o meno.

Sto già bene nel farlo.

Non ha molta importanza che sia legato alla religione, spesso la religione si è appropriata di riti già in uso prima, di frequente legati al volgere delle stagioni, ai ritmi di sole e luna e così via.

In questo caso la festa di San Giovanni Battista, l'unico santo del quale si festeggia la data della nascita e oltre a quella della morte (sei mesi prima di Gesù con il quale sembra essere cugino) per tradizione più o meno coincidente con il solstizio d'estate, sostituiva quelle del Dio Giano, il dio degli inizi, bifronte, custode di ogni cambiamento, di ogni entrata e uscita, anche guardia delle “porte solstiziali”.

La similitudine tra Janus e Joannes è fin troppo facile da notare, e anche per il solstizio d'inverno si è usato un San Giovanni, in questo caso l'Evangelista.


“Quando la lavanda sente arrivare San Giovanni vuole fiorire”,

Tornando all'Acqua di San Giovanni, per chi non la conoscesse, è semplicemente un'acqua dove la sera del 23 Giugno vengono poste corolle di fiori e erbe.

Lasciata tutta la notte all'aperto, godrà dei benefici della rugiada di questa notte magica e il mattino dopo sarà pronta per essere usata per lavarsi viso, occhi e corpo avendo acquisito anch'essa poteri straordinari proteggerà dalle malattie, dalle disgrazie, dall'invidia.

La ricetta è quanto meno semplicissima, un bacile, acqua, erbe e fiori.

Per tradizione le erbe e i fiori dovrebbero essere raccolti da mani di donna, meglio a digiuno, al tramonto del 23, in numero dispari.

L'acqua meglio di fonte, il bacile non di plastica, una ciotola trasparente va benissimo.

Spesso uso il rame, ha il potere di ampliare le energie .

Quali erbe, quali fiori? Il più possibile, tutte quelle dalle comprovate proprietà particolari di guarigione o ritenute magiche.

Non possono mancare, cliccando sul nome si apre la pagina dedicata a quell'erba:

ecc. ecc. e tutte quelle che vengono in mente, con riconosciute proprietà terapeutiche e magiche

Se non si trovano tutte, in alcune zone di Italia si arriva ad usare 100 erbe, basterà comunque una rosa, un rametto di rosmarino, uno di salvia, insomma è una magia di una notte particolare, un rito ...



Preparato il tutto e coperto d'acqua si porta fuori e si lascia tutta la notte esposto alla speciale rugiada.

L'indomani mattina, 24 giugno, al risveglio, l'acqua sarà usata per lavarsi viso, occhi e corpo, godendone i benefici.

Quest'acqua è un rito di buon auspicio e come tale va preso, un guizzo di speranza in questo mondo alla deriva, dove nel caso andasse tutto male lo stesso basterà credere che poteva anche essere peggio.

Non si conserva, va regalata agli amici se avanza.

Una interpretazione possibile è quella che essendo la figura di San Giovanni legata al Battesimo e necessariamente all'acqua, se ne rinnovano le promesse con questo rito.




Il 24 giugno è più o meno legato anche al solstizio d'estate, notte nella quale le streghe danzano, e vanno raccolte le Erbe per essere essiccate e usate per tisane o oleoliti, grazie alla particolare rugiada che cade in questa notte rafforzano le loro proprietà.


- E domani è Santo Giovanni,

fratel caro: è San Giovanni

Su la Plaia me ne vo’ gire

per vedere il capo mozzo

dentro il Sole all’apparire,

per vedere nel piatto d’oro

tutto il sangue ribollire

-La figlia di Iorio - G. D'Annunzio



L' Acqua di San Giovanni e pure le Erbe raccolte in questa notte sono solo uno dei tanti riti propiziatori da compiere in questa notte magica.

Anche la raccolta delle noci, quelle immature per fare il NOCINO (qui>>>) sempre in numero dispari, di solito 33 per litro di alcol, avviene per tradizione la notte tra il 23 e il 24 ... « Sic mihi Nox, Nux Fuit ante diem » così per me ci fu, prima del giorno, la Notte e la Noce...

Molti rituali sono legati alla possibilità di trovare marito, o di sapere chi sarà o come sarà ricco o povero...

Come narra D'Annunzio, riportando un'antica tradizione delle fanciulle abruzzesi, Ornella andrà all'alba di San Giovanni a cercare di scorgere nel sole nascente il profilo della testa mozzata e nel contorno infuocato il sangue del santo e questo sarà segno che si sposerà entro l'anno.

O l'usanza delle tre fave, che incartate e poste sotto il cuscino daranno il mattino dopo la misura di quanto sarà ricco il marito...

Così come si accendono grandi falò, perché le lingue delle fiamme vadano a dare rinforzo al sole che accorciandosi le giornate inizia a perdere energia.

E poi saltarne le ceneri, buttarsene un po' tra i capelli per preservarsi da tutti i mali...

Insomma, prepariamoci che c'è da fare ...



Aggiornamento 2022

Tutti gli anni mi arrivano decine di foto delle vostre acque e vi ringrazio, quelle sotto sono solo alcune di qualche anno fa, impossibile metterle tutte.

Ringrazio chi con semplicità e animo sereno si approccia a questo rito antico, perché so che lo fa con sincerità.

La condivisione ne fa un bene prezioso, il sentirsi parte di una comunità che stanotte ha fatto qualcosa per tutti è un risultato già ottenuto, ognuno di noi ha chiesto per l'altro, per tutti.

Chi si trincera dietro la sterile richiesta di bene e fortuna solo per se stessi che implica il male per altri, non vince e rimane solo ad affrontare quel che ne consegue.

La forza è l'essere insieme, il risultato è nella serenità del mattino dopo, la felicità è la condivisione, il pensiero comune, ed è questo che qualsiasi rito cattolico, o pagano implicano.

La mattina del 24 giugno 2020, per le note ragioni legate alla pandemia, ero sola fisicamente a fare la mia abluzione, ma in realtà avevo voi tutti vicini. Grazie.





Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze interessanti.


Se vuoi, puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

 

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un Manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>

 

Tutti gli usi alimurgici o farmaceutici indicati sono a mero scopo informativo, frutto di esperienza personale, declino ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.

 

18.567 visualizzazioni0 commenti
Post in primo piano
L'erbando del giorno