Il Blog di Lella Canepa

MAZZOLINI PROFUMATI DI ERBE


Fra le molte cose che si possono fare con le erbe raccolte in questi giorni, i mazzolini profumati con proprietà antitarme utili per profumare cassetti e ambienti sono fra quelle che mi piacciono di più.

Una volta seccati si possono bruciare come fossero smudge, i bastoncini di erbe costruiti e bruciati come incensi dagli sciamani per purificare gli ambienti, dopo qualche cosa di negativo una lite, una malattia, una giornata agitata.

Al di là di quelli semplici di Lavanda, si possono aggiungere altre erbe come l'Alloro, potente tarmicida, l' Iperico che non fa mai male, e Rosmarino, Salvia ecc. ecc., non c'è che da sbizzarrire la fantasia.

Qui di seguito l'esempio di uno, per pura scaramanzia uso sempre in numero dispari i rametti di erbe.

Vi serviranno:

  • un bel stelo di Achillea

  • undici steli di Lavanda

  • qualche ciuffo di Iperico

  • sette rami di Rosmarino

  • cinque o sette foglie di Salvia o di Alloro o di Tiglio per coprire il gambo

  • un filo lungo di materiale naturale, nel mio caso filato il mio filato di Ortica

Preparate il materiale come nella foto pulendo gli steli che dovranno essere tra i 15 e i 20 cm dalle foglie.

Create il centro con il fiore grande di Achillea, disponete intorno a uguale distanza gli undici steli di Lavanda, facendoli spuntare

riempite gli spazi fra la Lavanda con i ciuffi di Iperico

aggiungete i sette rametti di Rosmarino sempre facendoli spuntare un po'

a questo punto con il filo piegato a metà formate un cappio e legate ben stretto

fate un giro di foglie di Alloro, se volete potenziare l'effetto tarmicida oppure di Salvia, continuate a legare, e coprite il gambo con foglie più grandi, per esempio Tiglio, inserendo qualche fiore e continuando a legare a spirale, fino in fondo, fissate con qualche giro e ritornate in su, sempre a spirale arrivando a fissare bene in cima.

Potete continuare come volete aggiungendo o fermarvi prima con meno varietà .

Per il semplice mazzolino di Lavanda qui di seguito un veloce tutorial

Prendete sempre un numero dispari di steli di lavanda

Legateli alla fine del fiore con un nastro

Piegate verso le cime i gambi e rilegate

Potete decorare il mazzetto mentre piegate gli steli alternando un nastro o anche con spago o cordino, nella foto quelli coloratissimi dell'amica Erika

Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze interessanti.


Se vuoi, puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un Manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>

Tutti gli usi alimurgici o farmaceutici indicati sono a mero scopo informativo, frutto di esperienza personale, declino ogni responsabilità sul loro utilizzo a scopo curativo, estetico o alimentare.


Post in primo piano
L'erbando del giorno
Categorie
Archivio
Seguimi
  • Facebook Social Icon
Post consigliati