Il Blog di Lella Canepa

CIPOLLE GLASSATE

O caramellate o in agrodolce o come si vuole.

Non solo per il nome, ma anche per la ricetta ognuno ha la sua.

Con aceto di vino, con aceto balsamico, con zucchero di canna, con zucchero normale, con il miele, bianche, rosse, gialle, intere, a fette, cipolline, al forno, in padella ...

Oggi ho fatto quelle al forno, normali, svelte, da non guardare più di tanto.

Spesso le faccio a fette nella pentola a vapore della quale ho già parlato (qui>>>)

A BagnoMaria , anzi fu proprio la prima ricetta che fece mia madre per provare la suddetta pentola e che ci entusiasmò.

Oggi invece ho preso due o tre cipolle normali, bionde, pulite, tagliate a fette alte anche due cm., sistemate in una pirofila unta con un po' d'olio sul fondo, con un filo d'olio sopra, un cucchiaino di sale fino e uno di zucchero, un cucchiaio di acqua.

Non ci sta male uno spicchio d'aglio e qualche erbetta, Timo (qui>>>) per esempio, a profumare



Inforno a 180°, io nel forno della stufa a legna quando è caldo.

A metà cottura, dopo 10 minuti circa, spruzzo di aceto bianco e finisco di cuocere.


Poco prima di togliere dal forno un giro di aceto balsamico, a piacere.


Si possono lasciare a caramellare più a lungo fino ad avere un colore più ambrato.

Io avevo fame.

Sono un ottimo contorno per un piatto di carne, ma frullate, in maniera grossolana, specie se fatte con quelle di Tropea, si ottiene una crema da spalmare su un crostone di pane rustico molto particolare magari con aggiunta di speck, un formaggio tipo scamorza o quel che viene in mente, per esempio per un aperitivo.


Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze affascinanti.


Se vuoi puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>



370 visualizzazioni0 commenti
Post in primo piano
L'erbando del giorno