Il Blog di Lella Canepa

CHEESECAKE SALATA

O che bel sole di mezz'agosto!

Io son piena di vita, e,

tutta illanguidita per arcano desìo,

non so che bramo!

- Pagliacci -

Settimana di ferragosto, settimana di grigliate e inviti fra amici.

Un piatto moderno, veloce da preparare e coreografico, da servire o da portare a una cena estiva, monoporzione o da tagliare a fette.

Niente di nuovo o di eclatante in questa ricetta vista e rivista, la posto solo per ricordarla o per far venire voglia di provare a chi non l'avesse mai fatta, e perché di questi tempi la faccio spesso.

Versatile perché cambiando lo strato superficiale, può essere presentata in cento modi diversi, comoda perché si prepara con anticipo e senza cottura.

Veloce, meno di un quarto d'ora per farla.

Semplici ingredienti: una base di biscotti salati, uno strato di formaggi cremosi, fette di salumi a piacere, qualche erba o pomodoro.

Per la base a me piace usare i biscotti salati tipo Tuc o Ritz, per quanto mi riguarda trovo buoni quelli rotondi in vendita all'In's che hanno un giusto equilibrio fra dolce e salato.

C'è chi usa grissini, chi i cracker o i taralli.

Sopra una crema di formaggio dove ingrediente fisso un formaggio cremoso, anche light, con aggiunta di altri formaggi a piacere, a secondo del gusto che si vuole fare emergere.

Per questa piccola in un anello del diametro circa di 18 cm., ho usato 125 gr di biscotti tritati nel mixer ai quali ho aggiunto circa un etto di burro fuso, ho sistemato compattando per bene con il pestacarne. Questo è un un anello da pasticceria, posato direttamente sul piatto dove la servirò, ma va benissimo il cerchio di una tortiera apribile.

Ho messo in freezer mentre preparo la crema.


Ho messo a bagno in poca acqua fredda un foglietto di colla di pesce.

La quantità di colla di pesce è in proporzione al tempo di raffreddamento prima di servirla, se si hanno poche ore se ne possono mettere due, se si fa il giorno prima anche metà. C'è anche chi la fa senza.

Ho mescolato 200gr. di formaggio molle cremoso light con 200 gr di ricotta fresca, ho aggiunto una mozzarellina di bufala tritata (giaceva abbandonata in frigo, non mi sembrava carino lasciarla lì).

Ho tritato fine un misto di erbette, timo, maggiorana e origano.

Salato e pepato a discrezione.

Ho scaldato due cucchiai di panna liquida, ma può anche essere latte, dove ho sciolto la gelatina ben strizzata e aggiunto tutto ai formaggi e colato nello stampo.

Coperto per tutta la notte in frigo.


Al momento di servire, con un coltello passato nei bordi interni ho staccato e sollevato l'anello e poi decorato a piacere con bresaola, rucola, pomodorini o .... fiori.

Posizionata sfalsata su un piatto rotondo da portata o su un bel tagliere, può essere completata con i salumi dell'antipasto.

Questa è solo una versione, aggiungendo un formaggio per esempio gorgonzola, si può fare una decorazione di pere e noci.

Da tempo voglio provare ad aggiungere melone frullato alla crema di formaggio per servirlo con prosciutto crudo

O con salmone e finocchietto

O colorare la crema di formaggi con un'erba tipo pochissima ortica sbollentata e frullata, attenzione assaggiare ed aggiustare il gusto.

O divertirsi a farle bicolori, in due tempi. Una volta rassodata la crema al formaggio, coprire con un topping fatto di pomodori, o peperoni frullati con poco olio, aggiunta di gelatina e rimesso a raffreddare.

O fare delle monoporzioni. Per fare prima, visto la difficoltà di avere tanti anelli, (quando ne avevo voglia me li facevo con l'acetato da cucina) più veloce fare la base squadrata, tagliare a quadri o rettangoli e passare alla decorazione monoporzione.



Consigli:

equilibrare lo spessore tra biscotto e crema, non troppo spesso quello di biscotto, non troppo sottile quello con la crema,

ridurre al minimo necessario la quantità di gelatina, non deve essere soda soda, meglio cremosa, l'importante che stia assieme.

Se si vuole usare meno formaggio si può sostituire una parte con una patata bollita e schiacciata

Usare solo ingredienti di prima qualità e freschissimi essendo pietanza che non subisce variazioni con la cottura, quindi burro e formaggi freschissimi, salumi altrettanto, verdura appena colta.

sbizzarrirsi con le decorazioni e con le possibili varianti negli ingredienti. I fiori nelle foto sono di carota, attenzione! che sia carota davvero e non cicuta, somigliante 😜

non esagerare con le porzioni, una piccola così serve egregiamente otto fettine, che accompagnate con salumi vari sono più che sufficienti in un aperitivo o in un antipasto.


E avvegnachè io non ti abbia ancora detto

per qual cagione io Ferragosto mi chiami, io 'l pur ti dirò,

perchè tu a favole d'abbajatori non porti fede...

- Orazioni e cicalate - 1730



Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze affascinanti.


Se vuoi puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>



Post in primo piano
L'erbando del giorno
Categorie
Archivio
Seguimi
  • Facebook Social Icon
Post consigliati