Il Blog di Lella Canepa

ZUCCHINI?PER IL PROSSIMO INVERNO

Chi imita la formica la state, non va pel pane in presto il verno


Pare che non abbia mai fatto il post sulla crema di zucchini ... a me pareva di sì, ma non lo trovo e quindi velocemente, perché non c'è molto da dire, eccolo.

Si tratta di farne qualcosa della sovrapproduzione di zucchini dell'orto, ma soprattutto di poterli usare l'inverno prossimo, quando davvero ci sarebbero cari.

Da anni non metto più via le verdure crude per trasformarle ma i piatti pronti, porzionati in modo di doverli solo scongelare scaldare, quindi minestroni già cotti, passati o verdure già trifolate, torte di verdura pronte da cuocere, verdure ripiene ecc. ecc..

In questo caso la crema di zucchini, un passato scoperto per caso, sull'onda della disperazione data dalla quantità prodotta nell'orto e forse visto fare da un'amica anni e anni fa.

Diverso perché fatto senza niente altro, niente cipolla, niente aglio, niente patate e trovato così ancora più buono.



Niente altro che zucchini, anche quelli troppo grandi, fatti a pezzi, messi in pentola a pressione o una pentola normale ma con poca acqua, il sale necessario, a cuocere a lungo e questo è tutto il segreto, cuocere a lungo e poca acqua.

Per quello di norma preferisco la pentola a pressione che lascio andare anche un'ora e poi spengo e lascio spenta ancora lungo.

Una volta fredda apro e frullo con il frullatore ad immersione.

Un procedimento scoperto casualmente, ma provare per credere, se si lascia cuocere come si penserebbe per avere gli zucchini solo cotti, non viene così spessa e buona di gusto.

Credo dipenda dal fatto che gli zucchini inizialmente buttano fuori la loro acqua che in seguito si consuma rendendo il gusto e l'aspetto più corposo, per questo non necessita di patate o di cipolla perché già buona e densa così.



Preferisco nel caso completarla all'ultimo con aglio e erbe tritate, oppure una fettina di lardo croccante, o un cucchiaio di formaggio tenero oltre a olio evo, parmigiano e pepe. Il gusto neutro si accompagna a diverse varianti.

Così, lasciata raffreddare e imbustata o nei contenitori in plastica risulta utilissima in inverno quando sembra appena fatta e mangiata così o come base per minestre dove aggiungere allora patata, cipolla e altro.

Imbustata è nel modo più interessante, perché le buste messe a congelare separate, poi prendono pochissimo spazio, ma vanno bene anche i classici contenitori in plastica con coperchio. Suggerisco porzioni adeguate, nel caso se ne aprono due.



In questo caso, non essendo più andata in giro a far compere e anche perché mi dispiace buttarli recupero i sacchetti del riso.

Allo stesso modo minestrone pronto, da mettere solo la pasta, zucchini già trifolati, o qualunque torta di verdure o la classica di zucchine uova formaggio, polpettoni, torta di carciofi, pronte da infornare, sono una manna, specie se arriva qualcuno all'improvviso. Anche queste ora le faccio più piccole, nel caso ne cuocio più di una.

Tra l'altro nel tempo di preparare una torta di verdura se ne preparano due o tre e uguale per una pentola grande di minestrone a farlo bollire, prepararlo, pulire quello che si sporca, insomma un bel risparmio anche di tempo.

Ovviamente le torte di verdura e i polpettoni li preparo nella teglia con la carta forno, le congelo e poi tolgo la teglia, per occupare meno spazio, salvo rimetterle nella stessa teglia per cuocerle.



Non facevo più molto, essendo sola e le esigenze essere minori, ma il periodo passato questo inverno senza poter fare la spesa, senza poter uscire, mi ha suggerito di riaccendere il congelatore spento da anni.

Col tempo ho scoperto che i piatti pronti porzionati, solo da scaldare e nel caso da rifinire sono notevolmente migliori delle verdure crude, oltre ad essere praticissimi perché già pronti.

Al momento di usarli in pentola direttamente o nel microonde, o se ci si ricorda a mezzogiorno per la sera, insomma come qualsiasi altra cosa.

La semplice aggiunta di un'erba aromatica, aglio o qualsiasi altro insaporitore fa sì che sembrino appena fatte, gli zucchini trifolati per esempio li spadello solo, aglio e prezzemolo o origano li metterò dopo.

Le torte invece infilate in forno direttamente ancora surgelate.


polpettone di patate e ... qui>>>

AGGIORNAMENTO POST:

È passato qualche giorno e gli zucchini aumentano e mi piace provare a recuperare metodi meno impegnativi del congelatore, con un passaggio in più ho fatto queste bottiglie di crema di zucchini e le ho pastorizzate come faccio con la salsa qui>>>ESTATE TI CONSERVO, vedremo fra qualche mese se ha funzionato.




Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze affascinanti.


Se vuoi puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>



Post in primo piano
L'erbando del giorno
Categorie
Archivio
Seguimi
  • Facebook Social Icon
Post consigliati