Il Blog di Lella Canepa

CORNETTI SFOGLIATI SALATI

Tempo di aperitivi, di stuzzichini, di spuntini, brunch, cene in piedi, voglia di serate estive con amici ... purtroppo quest'anno sembra tutto più difficile.

Senza questo periodo di astinenza sociale forzata forse non mi sarei dedicata a rispolverare ricette per cose che è ormai abitudine prendere tranquillamente al bar.

Fra questi le briochine salate per gli aperitivi, una delle mie passioni...

Non c'è niente di nuovo o di non visto in questo post se non la semplice condivisione della mia ricetta, sempre il più possibile semplice e veloce.

Intanto è un comune pan brioche che con l'aggiunta di zucchero diventa ottimo per le brioche della colazione.

Il metodo è quello sfogliato veloce con una lievitazione più un'altra breve dopo aver formato le brioches, visto ormai tante volte.

Gli ingredienti, solo quelli indispensabili in una proporzione accettabilissima per il risultato ottenuto, con queste dosi si ricavano 16 cornetti grossi come un panino al latte ma più gradevoli dal punto estetico.

150 gr. di farina 00

150 gr. di farina manitoba

10 gr. di lievito di birra o 5gr. di lievito secco

un uovo non grandissimo

40gr. di burro + una piccola quantità per ungere le sfoglie

125gr. di latte

un cucchiaino di sale fino

un pizzico di zucchero

Si può con risultati diversi sostituire il latte con acqua, il burro con olio di semi.

La farina può essere tutta 00, una parte semola o una parte farina integrale o ai cinque cereali.



Nel latte tiepido sciolgo il lievito, aggiungo l'uovo e il burro sciolto, il sale e lo zucchero. Aggiungo le farine a poco a poco mescolando con una forchetta fino ad avere un impasto da lavorare un poco con le mani e rifinire a palla. Metto a lievitare in una ciotola coperto con pellicola ed un panno.

In queste giornate già abbastanza calde uso il metodo sole, cioè lo metto fuori al tepore del sole, ma non nel momento di massimo calore perché potrebbe essere troppo caldo e rovinerebbe, invece di favorire la lievitazione, altrimenti è sempre meglio il forno spento con la luce accesa.



A lievitazione avvenuta dopo circa un'ora, un'ora e mezza riprendo l'impasto e sulla spianatoia lo allargo, lo piego e formo un cilindro.

Taglio otto pezzi più o meno uguali che formo a pallina.

Da ogni pallina con il matterello ottengo un disco di circa 20cm. Sovrappongo un disco sopra all'altro ungendo con il burro sciolto tra un disco e l'altro.

Esauriti i dischi premo la pila sempre con il matterello e tiro fino ad allargare a 40 cm.

Taglio in sedici triangoli.

Avvolgo ogni triangolo a brioche.

A questo punto andrebbero spennellate con tuorlo d'uovo, ma a me non piace e ripasso con poco latte e se voglio qualche seme di sesamo.



Copro e metto a lievitare per mezz'ora questa volta nel forno spento con la luce accesa.

Cuocio a 200° per una ventina di minuti fino a che non colorano.

A questo punto sono pronte da farcire nei più svariati modi: con una crema di formaggio molle e pimpinella per esempio, prosciutto cotto e funghi sott'olio o anche champignon saltati un attimo in padella, crema di tonno e capperi, pomodorini, mozzarella e origano, lattuga e pasta di olive, gorgonzola e noci, o semplicemente salumi e formaggi vari.



Questo è il modo più semplice in assoluto con meno ingredienti possibili per avere un risultato più che ottimo.

Nell'impasto può essere aggiunto anche 50 gr. di parmigiano grattugiato, ma solitamente nei mei appetizer ci sono sempre anche i biscottini salati al formaggio evito di metterlo anche nei cornetti.



Per fare delle ottime brioche dolci per la colazione basta aggiungere 50gr. di zucchero all'impasto, togliere il cucchiaino di sale fino limitandosi ad un pizzico.

Fra un disco e l'altro oltre a ungere con il burro spolverare con lo zucchero e in ultimo tagliare in otto triangoli per avere delle brioche un poco più grandi.

Per il resto stessa procedura e cottura.

Se vi rimane ostica la mia spiegazione su You tube ci sono decine di video, gli ingredienti sono più o meno gli stessi anche se ognuno si sa, ha suoi.


Un popolo con una così grande varietà di aperitivi

come il nostro non può morire di fame. Marcello Marchesi



Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze affascinanti.


Se vuoi puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>



Post in primo piano
L'erbando del giorno
Categorie
Archivio
Seguimi
  • Facebook Social Icon
Post consigliati