Il Blog di Lella Canepa

LE MIE FRISELLE


Dopo aver pubblicato su Fb le foto delle mie pseudo friselle ho ricevuto diverse richieste sulla ricetta e ho esitato a pubblicarla perché non so quanto sia fedele all' originale. Mi perdoneranno quindi le amiche pugliesi, se da lontano ho deciso di provare, anche se il mio sogno resta quello di farle, laggiù, sotto l'egida preziosa di qualcuno che le sappia fare sul serio.

Devo comunque dire che il risultato ottenuto mi soddisfa, visto che le uso abitualmente come sostituto del pane, e così ecco ricetta e procedimento, se non altro per dimostrare quanto è facile.

Dopo aver scopiazzato qui e là le ricette che ho trovato, ora seguo questa perché mi viene sempre bene.

Dunque servono

500 grammi di semola di grano duro

100 grammi di farina integrale, o anche con farina bianca, dipende da quello che ho

lievito, io uso una miscela di lievito secco di pasta madre, altrimenti una bustina di lievito di birra secco tipo Mastro fornaio a lievitazione normale.

un cucchiaio di sale fino

due cucchiai di olio

Metto tutto nel robot e 350 gr. d'acqua tiepida dovrebbero bastare per formare in pochi minuti una palla morbida che metto a lievitare in un contenitore coperto dentro al forno spento con la luce accesa.



Dopo un congruo tempo, che dipende dal tipo di lievito usato, quando la pasta è lievitata la giro sul tavolo,



e senza lavorarla più di tanto taglio dei pezzi lunghi 8 - 10 cm. che arrotolo e giro

intorno al dito indice per formare una specie di panino bucato



Sistemo uno a uno sulla teglia e rimetto nel forno spento con la luce accesa per un'altra breve lievitazione.



Lascio lievitare un'altra mezz'oretta e poi inforno in forno caldo statico a 200° per circa 15 minuti.


Tolgo dal forno e una a una mentre sono calde le taglio a metà con un coltello dentato da pane, risistemo sulla teglia e nel forno sempre a 200° per altri 15 - 20 minuti circa, se è il caso gli ultimi minuti con forno ventilato perché secchino e prendano un bel colore.



Ecco fatto. Sembra un lavoro lungo ma non è così, questa dose è giusta per ottenere 35 - 40 friselle, secondo la misura iniziale.

Non mi limito ad usarle nel modo canonico cioè appena bagnate con acqua e condite con pomodori, olio e tutto quello che mi piace mettere sopra, ma le uso anche a colazione con la marmellata, e praticamente come pane, insomma ovunque comunque.


e se fa caldo sponzati due friselle ...


Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze affascinanti.


Se vuoi puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>



57 visualizzazioni
Post in primo piano
L'erbando del giorno
Categorie
Archivio
Seguimi
  • Facebook Social Icon
Post consigliati