Il Blog di Lella Canepa

LINARIA


- Ogni erba che guarda in su ha le sue virtù -


Questa serie di post potrebbe chiamarsi "conoscetele con me" in quanto trattasi di erbe molto comuni, che vedo da sempre, ma delle quali non ho mai giovato degli usi che se ne può fare.

Oggi è la volta della Linaria vulgaris Mill, in questi primi giorni d'autunno riempie ancora i campi, insieme a Solidago (qui>>>) e Topinambur, del quale parlerò prossimamente, tutti fiori gialli, come a sostituire la luce del sole che si sta attenuando.

Per quanto mi riguarda ho sempre chiamato questi fiori bocche di leone selvatiche, e infatti alla stessa famiglia di quelle coltivate appartengono.

Solo di recente ho scoperto, ma non provato personalmente, le proprietà e gli usi di questo fiore.



È commestibile, ma per il momento ne riserverò l'uso decorativo delle corolle nelle insalate.

È utile fresca, ridotta in polpa, o il decotto in impacco, per alleviare i disturbi delle emorroidi, pare calmi velocemente prurito e dolore.

Il decotto serve anche per le infiammazioni agli occhi, o della pelle, per i foruncoli per esempio.

L'infuso, sempre delle sommità fiorite, anche secche, aiuta nella stitichezza e nella diuresi.

È pianta tintoria, da sempre il decotto concentrato di fiori era usato per i capelli biondi e pure per tingere le stoffe di giallo.

Il suo nome deriva dalla similitudine delle foglie con quelle del lino, il fiore ricorda decisamente una bocca e rappresenta una sfida per gli insetti che devono arrivare in fondo per raccogliere il polline, sporcandosi così tutto il corpo e favorendo l'impollinazione.



Questa è quella comune ovunque, ma sfogliando i miei libri ne ho scoperta una più rara a fiori tra il lilla e il blu, non ritrovata in Liguria.

Ripeto non ho avuto modo di provarla personalmente, ma queste sono le ultime giornate per la raccolta e farne scorta, di conseguenza, scusate, non posso fermarmi oltre a chiacchierare, ho da andare a raccogliere per farle seccare, altrimenti come faccio a provarne le virtù?




Condividi il post! e poi torna, troverai esperienze affascinanti.


Se vuoi puoi iscriverti alla news letter cliccando qui>> per non perderti nessun articolo.


Lella

Lella Canepa, creatrice di "Donne da Ieri a Oggi" una fantastica mostra poi tradotta in un libro e di "Erbando" un ricercato evento che produce sempre il "tutto esaurito" da subito, anch'esso tradotto in un manuale dove si impara a conoscere e raccogliere le erbe selvatiche commestibili come facevano i nostri avi.


Lella Canepa ama da sempre tutto ciò che è spontaneo, semplice e naturale e coltiva da anni la passione per tutto quello che circonda il mondo manuale del femminile. tramandato per generazioni da sua mamma, sua nonna e la sua bisnonna.


Se vuoi, puoi metterti in contatto con Lella qui>>



Post in primo piano
L'erbando del giorno
Categorie
Archivio
Seguimi
  • Facebook Social Icon
Post consigliati