Il Blog di Lella Canepa

IL GRUGNIN 🌿🌿🌿


Con l'alternarsi di pioggia e sole primaverile tra le prime erbe spontanee selvatiche commestibile pronte a crescere c'è quella del Grugnin Pursin.

Nome quanto mai bizzarro, a guardare le tenere rosette verde smeraldo di questa pianta, che non ricordano affatto il grugnetto di un maiale.

Invece anche il suo nome scientifico vuol dire più o meno la stessa cosa:

Hypocheris radicata, da khóiros , maiale, porco, che ne mangia la radice.

E questo in effetti è, appetita da maiali e cinghiali che grufolano per trovarla, e infatti è conosciuta anche come ingrassaporci. Anche in Francia la Costolina è cercata come erbaggio con il nome di “Salade de porc”.

In competizione con loro ci sono io, che la cerco per unirla alle altre erbe del Prebuggiun (qui>>>). Vedete qui sotto l'intenso lavoro dei cinghiali.

In realtà, è una delle selvatiche commestibili che sta bene anche da sola, è poco amara, fornisce un buon volume una volta cotta, e questi requisiti la rendono preziosa nei misti, per contrastare l'amaro di quasi tutte le altre erbe spontanee e per avere una certa consistenza oltre a un gradevole gusto.

La sua radice si può usare tostata come quella della cicoria e del tarassaco in un misto succedaneo del caffè.