Il Blog di Lella Canepa

IL LUPPOLO E LA BIRRA DI TORZA

De' Lupoli

... E perché questo simplice è sovrano a rinfrescare e purificare il sangue,

gli uomini che non vogliono per ogni leggier cagione molestare il medico,

né saziar gli 'ngordi speziali, e pur è loro a cuore la salute de' corpi loro,

pigliano un piccicotto di questo simplice e altrettanto fumoterra, cicoria, indivia e boraggine, e tutte insieme, ben lavate, in acqua senza sale fan cuocere.

Giacomo Castelvetro

1546 - 1616

Avrei potuto non parlare del Luppolo, soprattutto da quando conosco la Elisa? Anzi è proprio lei e la sua avventura luppolosa che mi hanno dato lo spunto per questa categoria di post: La mia Gente.

Conoscere giovani motivati e caparbi, che lottano per fare qualcosa per il territorio contro tutto e tutti, che dal nulla e nel nulla inventano un lavoro che gli permette di coltivare in modo non consueto la terra e di non andarsene dal proprio paese, be'... non è poco.

È tosta la Eli, oltre che caparbia, lo si capisce subito, sguardo diritto, forza trascinante, decisa senza esitazioni, sa cosa vuole e ci mette tutta se stessa, anche fisicamente, nel progetto che porta avanti.