Il Blog di Lella Canepa

L'UMILE MALVA


"La malva da ogni malattia salva"

- S.Ildegarda di Bingen -

Ci sono piante, frutti e fiori dei quali mi sembra superfluo parlare, come nel caso del post sul Limone (qui>>>) faccio fatica a pensare che esistano case dove non se ne faccia uso.

Via via, parlando e ascoltando, mi rendo conto che ognuno ha la sua storia, il suo vissuto e sì, quindi ci può essere qualcuno che non conosce la Malva, che non l'ha mai usata, che non la riconosce, come può succedere a me di tante cose che per altri appaiono banali.

Mia nonna per farmela riconoscere e ricordare come panacea per tutti i mali mi disse che il suo nome era significativo: - Mal-va - il male va, se ne va....

Tante le sue qualità per finire di essere identificata con l'amor materno.

Dunque la Malva, Malva sylvestris L., qui Varma o Valma in dialetto, umile la definisco, vive ovunque ai margini di strade, nei campi, tra i ruderi, forse perchè voluta da Carlo Magno nel suo Capitulare de villis, in tutti gli orti come "omnimorbia", buona per tutti i mali.

I romani la usavano dopo le pesanti libagioni, per Pitagora e i suoi seguaci era pianta sacra.

Usata da sempre, nella farmacopea tradizionale familiare, per tutte le affezioni della bocca, delle gengive, dei denti... chi davvero non ha mai tenuto in bocca l'acqua di Malva per sfiammare un dente? Forse quelli delle generazioni dopo la mia, all'avvento di vari antinfiammatori dei quali non voglio nemmeno fare un nome, che sì, agiscono con più velocità ma con effetti collaterali che la Malva certamente non ha.

Anzi, proprio il suo nome, che significa "rammollire", avuto per le mucillagini di cui è ricca tutta la pianta, ha un'azione benefica anche sul tratto gastrointestinale come blando lassativo, come protettivo per la mucosa gastrica.

Di fatto è un potente antinfiammatorio che agisce su tutte le mucose.

Oltre a rimedio per il mal di denti, la sua radice, lavata e pulita, era data come masticatorio ai bambini nel periodo della dentizione.

Combinata con la Lavanda (qui>>>) utile anche per lavande vaginali.

Così come non può far male unita ai fiori di Sambuco (qui>>>) contro la tosse.

O in un pediluvio per i piedi gonfi insieme alla Piantaggine (qui>>>)

Nel caso della Malva serve il decotto, cioè l'erba fresca o secca, messa in acqua fredda, portata a bollore, per qualche minuto, poi spento il fuoco finire l'infusione per una decina di minuti. Se si vuole si uniscono altre erbe in infusione come i fiori di Sambuco.

Questa è la differenza fra infuso e decotto, nel senso che si intende infuso quando si versa l'acqua bollente, come si fa con il tè, il decotto quando si fa bollire anche l'erba.

Per tisana si intende un infuso o decotto, di solito un infuso, fatto con più varietà di erbe e fiori.. sembrerebbe essere la stessa cosa... non è così, l'estrazione delle sostanze è diversa.

Per quello che riguarda la Malva occorre far bollire le foglie per estrarre le preziose mucillagini, mentre mi piace aggiungere i soli fiori negli infusi con altre erbe. Ancora meglio il macerato, a freddo, foglie e fiori in acqua tutta la notte sempre per le mucillagini, ha tutte le proprietà.

Per il riconoscimento tutta la pianta, alta 60-80cm quando è fiorita, prostrata in primavera quando spunta dopo le gelate invernali, il fusto legnoso, le foglie con il lungo stelo, vellutate, pelosette.